Non sono un berlinese - Una guida per turisti pigri di Wladimir Kaminer

Per chi ama Berlino, per chi vuole andare in vacanza, per chi, come me, quest'anno non potrà andarci: un libro che ci racconta una Berlino in modo ironico e diverso.
Chi ci porta in giro per Berlino è Wladimir Kaminer, russo che dal 1990 vive a Berlino, è cittadino tedesco e scrive solo in tedesco. Brevi capitoli, ognuno dedicato ad un aspetto di questa città e dei suoi abitanti. Con naturalezza l'autore compara quello che vede con quello a cui era abituato in Russia, o semplicemente vive in modo diverso da chi in Germania e a Berlino è nato: l'effetto è divertente, in più si trovano molte informazioni strampalate ma utili per chi vuole visitare Berlino. Ma soprattutto si vede l'amore di Kaminer per questa città: può raccontare tutti i difetti, può confermare tutti gli stereotipi sui tedeschi e sui berlinesi ma è una canzonatura affettuosa, sono questi "difetti" che fanno bella questa città, questi particolari che lo hanno fatto restare a Berlino. Lui non è un berlinese ma ama Berlino.

Ecco alcuni esempi di usi e costumi berlinesi.

La criminalità
Nella capitale tedesca la delinquenza ristagna da anni. [...] La specie dei borseggiatori, che popola tutte le città turistiche che si rispettino, a Berlino è quasi assente, perchè i berlinesi e gli ospiti della capitale nelle borse hanno solo immondizia: fazzolettini, chiavi di casa, sigarette o tabacco. [...] Trovare un mucchio di soldi in una borsa berlinese è come vincere il jackpot al superenalotto, ha detto una volta un borseggiatore.

Chi passando per Prenzlauer Berg non si è stupito della quantità di passeggini e bambini? Anche Kaminer è perplesso.

Bambini berlinesi
A Berlino, ormai, sono i bambini che comandano. Trasformano lentamente il nostro quartiere in un unico, grande asilo. Nelle trombe delle scale, dove un tempo c'erano le biciclette, ora si ammucchiano passeggini incatenati l'uno all'altro. [...] Tuttavia mi risulta ancora incomprensibile cosa ci possa essere all'origine di questo baby boom. A Prenzlauer Berg ci sono poche aree verdi, molto traffico, la maggior parte degli abitanti sono omosessuali o studenti, di regola entrambe le cose. [...] Persino il grande negozio di preservativi sulla Schoenhauser Alle non ha potuto farci niente.



E i barbecue la domenica, da mattina a sera, nei parchi pubblici?

In giro per la soleggiata Berlino
[...] La più grossa area per grigliate infatti non si trova a ovest, ma proprio davanti alla mia finestra, sul confine tra Wedding e Prenzlauer Berg. In effetti qui viviamo in un paesaggio paradisiaco, là dove un tempo correva il muro. Oggi al posto di quella che fu la striscia della morte  è sorto un parco con numerose aree gioco. C'è molto verde davanti a casa nostra. Quando c'è bel tempo apro tutte le finestre e l'intera casa profuma - non di fiori, ma di salsicce grigliate. Lo spazio davanti a casa  nostra infatti è un posto speciale. Vi si trovano cartelli di permesso: una cosa unica in Germania. Di regola si trovano ovunque cartelli di divieto e di avviso. L'idea di indicare ai cittadini ciò che è permesso è invece più originale. Da noi ci sno i cartelli "permesso grigliare".

Berlino è una birreria
[...]Non è la  bella architettura che attira così tanti letterati a Berlino, no, sono le birrerie: un covo ideale per persone creative. Perchè in realtà Berlino è un'unica grossa birrera. In questa città la vita non si svolge dietro alle porte chiuse degli appartamenti, ma davanti e dietro i banconi. Qui sconosciuti  guardano insieme la televisione, ascoltano la musica, ballano, giocano a scacchi, si incontrano o si lasciano. [...] Cosa vuole di più uno scrittore? Se doveste cercarne uno, andate in birreria, sarà lì.

L'economia berlinese
[...] Da tre mesi abbiamo uno spaccio di caramelle, orsetti di gomma per la precisione, al piano terra. Si vendono orsetti rossi, neri o gialli ed esclusivamente in confezioni da un chilo. Si può anche comprare un singolo orsetto di gomma, purchè pesi un chilo: il non plus ultra del divertimento e della golosità per l'intera famiglia. Mia moglie, io e persino i nostri figli fummo sorpresi da questa idea commerciale. Non può funzionare, pensammo. Ora, dopo alcuni mesi, dobbiamo ammettere che avevamo torto. Gli affari fioriscono . Sembra che tutti gli abitanti del vicinato abbiano sviluppato una dipendenza da orsetti  di gomma.



E per finire, un omaggio ai turisti, di Berlino e di Venezia...

Turisti a Berlino
Qualche tempo fa restai bloccato in taxi, in coda su un ponte. Intorno a noi era tutto un risuonare di clacson. La traversa era bloccata da grossi bus turistici.
"Maledetti stronzi", imprecò il taxista. "Siamo forse a Venezia qui?"
I maledetti stronzi, circa due dozzine di uomini e donne, si trovavano proprio accanto alla nostra macchina e seguivano le istruzioni della loro guida turistica.






INSTAGRAM FEED

@lepancherosse.dellamarcopolo