Il paradiso degli animali di David James Poissant

Non lasciatevi trarre in inganno dal titolo, gli animali non sono al centro di questo libro di racconti, almeno non come li intendiamo comunemente. Gli animali siamo noi, come ci ricorda nella postfazione la (ottima) traduttrice, Gioia Guerzoni: il titolo è preso da una poesia di James Dickey che parla di animali e finisce con: gli animali cadono e si rialzano, spesso sconfitti ma pronti a riprovarci, proprio come noi.
Una prima linea comune che avevo individuato nei racconti di questa raccolta è la disperazione: sono tutti racconti con protagonisti disperati, in modo diversi ma disperati.
Poi, andando avanti nella lettura e cercando di non sprofondare nelle emozioni e nelle storie raccontate da Poissant, ho visto che il vero filo comune è il lutto: in tutti i racconti i protagonisti stanno facendo i conti con una mancanza, una mancanza che gli ha cambiato la vita o che gliela può cambiare. Dico mancanza perchè può essere la morte di un congiunto ma anche la fine di una relazione, un tradimento o la consapevolezza che la propria vita non potrà più essere quella che si voleva. I racconti sono tutte variazioni su questo tema, con diversi contesti e soluzioni narrative.
Perchè uno dovrebbe leggere un libro così? Non è un libro per tutti, in altri momenti della mia vita non sarei riuscito a leggere queste storie, sarebbe stato troppo doloroso, inutilmente doloroso. Adesso riesco a godere della sua scrittura, del cambio di passo che offre ad ogni racconto, delle invenzioni che i suoi protagonisti trovano per farsi male o per sopravvivere.


L'anno scorso mio figlio ha sfondato la finestra del soggiorno. L'avevo spinto io.

Non finì come succede di solito. Non si disintegrò, non andò in fiamme. Il matrimonio di Max e Allison Bloom finì in cinque round su un ring nel loro giardino.

La sua terapeuta lo chiama assecondare, io lo chiamo amore. Dice che io sono un problema, e io ho accettato di non essere d'accordo. 

Intendeva con lei, con il suo matrimonio, che quell'anno aveva preso una svolta inaspettata. Era  come se stessero manovrando un tandem sperimentale: avvicinandosi a un albero ciascuno cercava di virare in una direzione diversa, entrambi cadevano e la bici si rompeva.


Il paradiso degli animali
di David James Poissant
traduzione di Gioia Guerzoni

progetto grafico www.46xy.it
pagine 302, € 17
NNeditore

INSTAGRAM FEED

@lepancherosse.dellamarcopolo