Clessidra di Dani Shapiro


Non so, forse tempo fa un libro che racconta di un matrimonio lungo 18 anni e che procede lo avrei messo fra i fantasy.
Questo no, questo non è un fantasy. E io non sono meno cinico. Cosa è cambiato?
Intanto questo libro esce in una collana curata da Tiziana Lo Porto, e questo è già una garanzia sul contenuto, quindi invece di accantonarlo subito dopo aver capito di cosa parla, ho iniziato a leggerlo.
E ho trovato un piccolo gioiello. Piccolo perchè dura solo 150 pagine. Gioiello perchè può essere letto sotto vari aspetti.
Per chiunque si interessi alla scrittura autobiografica o ne sia appassionato, è un libro assolutamente da leggere. Qui ci si pone questioni su cosa sia o debba essere la scrittura autobiografica, su comne debba essere affrontata, su quanta dose di realtà e di fiction debba o possa esserci.
E a chi si interessa di relazioni, a chi si domanda come due persone possano vivere assieme così a lungo in un'epoca come la nostra, Clessidra racconta un'esperienza, vista tutta con gli occhi di lei, un'esperienza non cronologica ma di memoria, non un come-si-fa ma un è-andata-così.
Quello che mi addolcisce leggendo queste pagine è che la scrittrice sa che poteva andare anche in altro modo e non lo esclude per il futuro. Il fulcro del libro è la poesia Ogni caso di Wislawa Szymborska:

Poteva accadere.
Doveva accadere.
E’ accaduto prima. Dopo.
Più vicino. Più lontano.
E’accaduto non a te.

[...]
Per fortuna là c’era un bosco.
Per fortuna non c’erano alberi.
Per fortuna una rotaia, un gancio, una trave, un freno,
un telaio, una curva, un millimetro, un secondo. 


Godetevi questo libro come una possibilità, che troppe volte siamo noi stessi a negarci.

Dani Shapiro
Clessidra
Edizioni Clichy
traduzione Gaja Cenciarelli
eur 15,00

INSTAGRAM FEED

@lepancherosse.dellamarcopolo