Julian Zhara alla MarcoPolo Giudecca - lunedì 21 maggio


Lunedì 21 maggio alle 20
alla MarcoPolo-Giudecca

VERA DEVE MORIRE
di e con Julian Zhara
Interlinea edizioni

con Julian Zhara dialoga Alessandro Burbank


Tu non mi stupisci più:
l'algoritmo risolve l'incanto
in altro, lo evolve in conforto,
rifugio al calduccio col termo-
sifone che brucia l'ambiente
ogni volta che il freddo avanza qua fruori,
per questo (e altro)
tu non mi stupisci più.
...


Poeta, performer, organizzatore di eventi culturali, Julian Zhara ha all’attivo una pubblicazione in plaquette: In apnea (Granviale, 2009). Presente tra i finalisti del Premio Dubito in L’epoca che scrivo, la rivolta che mordo (Agenzia X, 2013). Dal 2012 lavora col compositore Ilich Molin. Nel 2014 partecipa con un progetto di spoken music a Generation Y, evento sulla poesia ultima, a cura di Ivan Schiavone, al MAXXI. Sempre con lo stesso progetto, è presente nell’omonimo documentario andato in onda su Rai 5. Dal 2013 al 2016, cura assieme a Blare Out il Festival di poesia orale e musica digitale Andata e Ritorno e per Ca’ Foscari un ciclo di presentazioni e convegni. Nel 2016 gli viene assegnato il Premio Internazionale di poesia “Alfonso Gatto” per i giovani, cura la direzione artistica del festival di poesia Flussidiversi/9 e nello stesso anno presenta la sua ricerca in due università oltre a molti festival italiani. Sue poesie sono presenti in blog e riviste specializzate nonché in La poesia italiana degli anni Duemila (Carrocci, 2017) di Paolo Giovannetti. Nel 2018 esce per Interlinea il suo primo libro di poesie: Vera deve morire. Vive, lavora e scrive a Venezia.


INGRESSO LIBERO
sino a esaurimento posti

Libreria MarcoPolo-Giudecca
Giudecca 282
T 041 847 38 67
libreriamarcopolo.com


INSTAGRAM FEED

@lepancherosse.dellamarcopolo